san Macario di Gerusalemme Vescovo

Il suo nome, Macario, significa "felice", "beato". Ma ci sono ignote la sua famiglia, il luogo di origine e buona parte della sua vita. Lo conosciamo soltanto come vescovo di Gerusalemme, la città che è santa per gli Ebrei come luogo dell'unico Tempio innalzato all'unico Dio, e per i cristiani, come luogo della crocifissione e della risurrezione di Gesù Cristo. Ma, all'epoca di Macario, Gerusalemme non c'è più. Già nell'anno 70, dopo aver schiacciato un'insurrezione antiromana, il futuro imperatore Tito aveva distrutto il Tempio. Nel 135, poi, dopo un'altra rivolta al tempo dell'imperatore Adriano, la città stessa è stata rasa al suolo, perdendo anche il nome: sulle sue rovine è sorta infatti una colonia romana chiamata Aelia Capitolina, col suo Campidoglio costruito sul luogo della sepoltura di Gesù.
Macario vive come vescovo un momento importantissimo. Dopo l'ultima persecuzione anticristiana, ordinata e poi disdetta dall'imperatore Galerio (anni 305-311), i suoi successori, Costantino e Licinio, danno ai cristiani piena libertà di praticare la loro fede, di celebrare il culto, di costruire chiese.
È la "pace costantiniana" estesa a tutto l'Impero, e dunque anche a Gerusalemme, dove Macario si mette al lavoro; ottiene dal sovrano il consenso per abbattere il Campidoglio, e così fa tornare alla luce l'area del Calvario e del Sepolcro. Su di essa sorgerà più tardi la basilica grandiosa della Risurrezione. Qui verrà in pellegrinaggio anche Elena, la vecchia madre di Costantino, prima di una serie infinita di pellegrini.
Negli stessi anni c'è nel mondo cristiano un'aspra divisione, provocata dalla dottrina del prete libico Ario, sulla natura di Gesù Cristo. Macario, da Gerusalemme, si oppone subito alla dottrina ariana, e interviene poi nel maggio del 325 al Concilio celebrato a Nicea (presso Costantinopoli), dove viene confermata la dottrina tradizionale.
Si ritiene anzi che il vescovo Macario sia stato uno degli autori del "Simbolo niceno", ossia del Credo che ancora oggi pronunciamo nella Messa, professando la fede "in un solo Dio, Pare Onnipotente" e "in un solo Signore, Gesù Cristo... Dio vero da Dio vero".

Autore: Domenico Agasso
Fonte: http://www.famigliacristiana.it/

san Macario e l'esaltazione della Vera Croce, dal Menologio di Basilio