Apostasia  

Viene detta Apostasia il ripudio totale della fede cristiana. L'apostata incorre nella scomunica latae sententiae fermo restando la rimozione dall'ufficio ecclesiastico per chi ha abbandonato pubblicamente la fede cattolica o la comunione con la Chiesa. Il chierico può, inoltre, essere punito con:

  • la proibizione o l'ingiunzione di dimorare in un determinato luogo o territorio;
  • la privazione della potestà, dell'ufficio, dell'incarico, di un privilegio, di una facoltà, di una grazia, di un titolo, di un'insegna, anche se semplicemente onorifica.

Se lo richieda la prolungata contumacia o la gravità dello scandalo, possono essere aggiunte altre pene, non esclusa la dimissione dallo stato clericale. (can. 731, 1364 c.j.c.)